0

www.moto.it

Ryan Dungey annuncia il suo ritiro dalle competizioni

0
...

Ryan Dungey ha annunciato oggi il suo ritiro dalle corse in una conferenza stampa ospitata da KTM nell'emblema iconico Angel Stadium di Anaheim, in California. L'annuncio di Dungey arriva subito dopo aver assicurato il suo terzo consecutivo Campionato AMA 450SX a bordo della KTM 450 SX-F FACTORY EDITION in quanto alla fine sarà la gara finale della sua carriera professionale nello stadio Sam Boyd di Las Vegas.


Ryan Dungey ha annunciato il suo ritiro dalle competizioni durante una conferenza stampa ospitata da KTM nell'iconico di Angel Stadium di Anaheim, in California. L'annuncio di Dungey arriva subito dopo aver vinto il sui terzo Campionato AMA 450SX consecutivo.


Dungey, 27enne nativo del Minnesota, ha vinto un totale di nove campionati AMA Supercross e Motocross, tra cui quattro titoli AMA 450SX (2017, 2016, 2015, 2012), tre titoli AMA 450 Class MX (2015, 2012, 2010 ), Un titolo AMA West Coast SX Lites (2009) e un titolo AMA 250 Class MX (2009). Inoltre, Dungey è stata una parte determinante del successo del Team USA nel 2009, 2010 e 2011 per portare a casa tre campionati Motocross of Nations.

Ryan Dungey

«È difficile credere che questo giorno sia arrivato, ma dopo averci pensato a lungo oggi annuncio il mio ritiro dalle corse Supercross e Motocross. Questa decisione non è stata facile. Ho realizzato più di quanto avessi mai immaginato o sognato e per tutto questo sono incredibilmente onorato. Il nostro sport è duro, le stagioni sono lunghe e ci vuole una grande quantità di sacrifici, di duro lavoro e di disciplina per rimanere sulla vetta. Fisicamente sento che sono nella migliore forma di sempre e ho una moto per vincere. Tuttavia, quest'anno ho lottato mentalmente. Ho sempre gareggiato perché voglio vincere, ma questa stagione era solo diversa per me. Concentrarmi settimana dopo settimana non era più la stessa cosa. Non pensavo sarei mai arrivato a dover trovare le motivazioni per gareggiare, ma ora è così e la verità è che mi disturba molto. Potrei facilmente prendere lo stipendio e correre solo per finire, ma non sono così, non è come voglio correre, né come voglio essere ricordato. Ho detto sul podio a Las Vegas una settimana e mezzo fa che questa vittoria del campionato significava più degli altri titoli Supercross. E’ la verità, perché ho dovuto combattere il più duramente per questo. Non necessariamente a causa delle battaglie sulla pista, ma perché ho dovuto spingere mentalmente come mai prima avevo dovuto. Abbandono nel migliore dei modi possibile, e aver conquistato il terzo titolo consecutivo è una benedizione incredibile e ne sono molto orgoglioso. Amo correre e amo il nostro sport, ma mi pronto a fare un passo indietro, felice e in forma. Ho realizzato tutto quello che ho deciso di fare e anche molto di più. Anche se sto facendo un passo indietro dalle corse, ho ancora intenzione di essere coinvolto nello sport. Mentre questo capitolo della mia vita si chiude, sono entusiasta di vedere quello che il prossimo capitolo ha in mente per me».


Stefan Pierer (CEO KTM GROUP)

«Per sei anni Ryan è stato parte della famiglia KTM, a partire dal 2012 quando è venuto in KTM dopo Roger De Coster. Da allora, Ryan ha scritto una parte molto importante della nostra storia e insieme a Roger hanno portato KTM sulla vetta del nostro sport. Ryan è eccezionale. La sua performance e la sua personalità hanno portato KTM al livello successivo e lo ringraziamo per questo. Ci auguriamo tutto il meglio per il prossimo passo e siamo molto contenti di cercare i suoi prossimi obiettivi ambiziosi nella famiglia KTM».